L’ultimo attacco di Obama alla privacy

Poco prima di lasciare l’Ufficio Ovale, Obama ha autorizzato la NSA – l’agenzia Americana incaricata dello spionaggio elettronico – alla condivisione di informazioni confidenziali con le 16 agenzie della comunità di intelligence americana. La modifica introdotta da Obama permette alla NSA di condividere i dati grezzi raccolti attraverso comunicazioni telefoniche, email, sms, messaggi istantanei, GPS e traffico internet senza dover prima filtrare i dati.

Le informazioni private che i servizi di spionaggio americani riescono a raccogliere riguardano cittadini di tutto il mondo, Italia inclusa.

Fino a pochi giorni fa la NSA aveva l’obbligo di filtrare le informazioni ed era autorizzata a condividere con agenzie tipo la CIA e l’FBI solo i dati ritenuti critici per la sicurezza nazionale, offuscando le identità delle persone innocenti o non rilevanti coinvolte nelle intercettazioni.

 

Vai all’articolo originale: N.S.A. Gets More Latitude to Share Intercepted Communications

Fonte: The New York Times | di Charlie Savage

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL