GDPR, il Garante della privacy scrive a Clubhouse

Il Garante Privacy chiede lumi al social network sulle misure adottate per garantire i dati dei suoi membri.

Mentre Clubhouse scala le classifiche dell’App store anche in Italia, il Garante per la protezione dei dati personali prende carta e penna e scrive alla piattaforma per vederci chiaro sull’uso che fa delle informazioni dei suoi iscritti. L’app più chiacchierata del momento, basata su un sistema di stanze dove ci si chiacchiera in tempo reale attraverso messaggi audio, è atterrata in Europa senza una politica della privacy adeguata alla regole comunitarie. Così, secondo quanto appreso da Wired, il Garante italiano ha spedito una richiesta formale per accertarsi che siano rispettati i diritti dei cittadini europei, come prescrive il Regolamento generale comunitario per la protezione dei dati personali (Gdpr)….

Leggi l’articolo completo.

Fonte: Wired | di Raffaele Angius e Luca Zorloni

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL