Facebook, Instagram e Twitter aiutavano la polizia a schedare i manifestanti

Facebook ha annunciato che non permetterà più che i dati raccolti sulla piattaforma vengano usati per per fini di sorveglianza come, ad esempio, l’individuazione di attivisti e manifestanti.

L’annuncio arriva dopo una denuncia dell’American Civil Liberties Union: in un rapporto pubblicato lo scorso ottobre, l’associazione per i diritti civili aveva reso noto che gli sviluppatori del software Geofeedia utilizzavano dati ricavati da Facebook, Instagram (di proprietà di Facebook) e Twitter per elaborare informative utili alla polizia nell’individuazione dei partecipanti alle proteste contro la discriminazione razziale a Baltimora e Ferguson.

“Siamo impegnati a costruire una comunità dove le persone possano sentirsi al sicuro facendo sentire la loro voce”, ha detto il vice responsabile della privacy, Rob Sherman.

In una e-mail ottenuta dalla ACLU, un impiegato della Geofeedia pubblicizzava alla polizia americana la collaborazione speciale dell’azienda con con Twitter e Instagram che dava accesso ai dati sugli utenti.

Leggi l’articolo originale Will Facebook’s Privacy Policy Update Calm Fears on Its Data Being Used by Police?

Fonte: The Street | di Natalie Walters

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL