WhatsApp attiva il ‘tracciamento’ in tempo reale. Ma era necessario?

WhatsApp annuncia la funzione che permette di condividere la posizione in tempo reale con la famiglia e amici. Tutti i partecipanti alla chat potranno vedere su una mappa, passo dopo passo, gli spostamenti, il tragitto. Ecco come fare per non farsi ‘tracciare’.

Oggi WhatsApp ha annunciato una nuova funzione: la condivisione della posizione in tempo reale, ossia la famiglia o gli amici possono vedere dall’app, passo dopo passo, i tuoi spostamenti, il tuo tragitto. Ce n’era bisogno?

Fortunatamente quest’attacco alla privacy di ogni utente è limitato ed è consapevole. Infatti la funzione “posizione attuale”, rassicura la società, “è crittografata end-to-end e ti permette di controllare con chi condividi la tua posizione e per quanto tempo. Puoi infatti decidere di interrompere la condivisione in qualsiasi momento o puoi semplicemente attendere che il tempo impostato scada”.

Come si fa ad attivare la ‘Posizione attuale’

Per usare questa funzione, apri una chat con la persona o il gruppo con cui desideri condividere la tua posizione attuale e tocca l’icona per gli allegati. Alla voce “Posizione” si visualizza una nuova opzione: “Condividi posizione attuale”. Quindi, scegli per quanto tempo desideri condividere la tua posizione attuale e tocca invio. Tutti i partecipanti alla chat potranno vedere su una mappa la tua posizione in tempo reale. Se più di una persona condivide la propria posizione attuale all’interno di un gruppo, tutte le posizioni saranno visibili sulla stessa mappa. La funzione posizione attuale sarà disponibile sia su Android che su iPhone e verrà rilasciata all’interno dell’applicazione nelle prossime settimane.

Per evitare di ritrovarsi come una delle tante ‘formichine’ sulla mappa delle posizioni in tempo reale basta non attivare la funzione.

Fonte: Key4biz di Luigi Garofalo | di Luigi Garofalo

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL