I vincitori dei Global Privacy and Data Protection Awards

Premiate le Autorità che hanno presentato i progetti migliori alla 39° Conferenza internazionale dei Garanti Privacy in corso a Hong Kong.

Un’indagine congiunta sul famoso caso di data breach di Ashley Madison, il sito di incontri extraconiugali vittima di un maxy hackeraggio un paio di anni fa, e un report sull’intelligenza artificiale. Sono questi i due vincitori dei Global Privacy and Data Protection Awards, assegnati a Hong Kong in occasione della 39° Conferenza internazionale delle Autorità di protezione dati (ICDPPC), che si tiene dal 25 al 29 settembre.  

I due vincitori hanno avuto la meglio su una novantina di progetti presentati da diverse autorità.

L’indagine congiunta sulla violazione del sito Ashley Madison, che si è aggiudicata il primo premio (Grand Award for Innovation), ha coinvolto tre diverse autorità – quella australiana, la Ftc statunitense e il Privacy Commissioner canadese, è stata valutata come il progetto più innovative, un modello di cooperazione transfrontaliera nell’applicazione della privacy.

Il secondo premio (People’s Choice Award) è andato all’Information Commissioner’s Office del Regno Unito è andato al report Big data, AI, machine learning and data protection, un vasto lavoro per riconoscere e contrastare I rischi derivanti dai big data, tema che solleva crescenti preoccupazioni a livello globale.

Gli altri vincitori sono:

  • Ricerca: Information and Privacy Commissioner of Ontario, Canada
  • Education and advocacy: Datatilsynet, Norway
  • Online tools: Privacy Commissioner for Personal Data, Hong Kong

La lista completa dei vincitori è disponibile qui.

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL