Trovata backdoor sugli iPhone per registrare lo schermo degli utenti Uber

L’applicazione per iPhone di Uber ha una backdoor che permette al servizio di ridesharing più discusso della Silicon Valley di registrare, potenzialmente, lo schermo dell’utente e di accedere ad altre informazioni personali senza che l’utente ne sia a conoscenza.

Ad aggravare la situazione c’è che questo accesso cosi’ “speciale” al popolare iPhone, tanto speciale che Apple lo mantiene quasi sempre off-limits per tutte le aziende esterne, non veniva nemmeno pubblicizzato in alcuna informazione rivolta al consumatore incluse quelle dell’app Uber.

Anche se, ad oggi, non vi è alcuna prova che Uber abbia utilizzato il suo accesso speciale per sfruttare le funzionalità di iPhone, la rivelazione che la popolare applicazione di taxi avesse accesso ad un codice Apple privilegiato solleva importanti domande per un’azienda già sotto la lente di ingrandimento per altre pratiche commerciali non proprio ortodosse.

Leggi l’articolo originale Apple gave Uber’s app ‘unprecedented’ access to sensitive Apple features that can record iPhone screens

Fonte: Business Insider | di Kif Leswing

© 2017 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL