Smart working post Covid: criticità su privacy e sicurezza

Durante il lockdown connessioni non protette, utilizzo promiscuo di dispositivi personali e aziendali, condivisione di dati fuori dal perimetro aziendale hanno contribuito a far decollare i malware.

Connessioni non protette, utilizzo promiscuo di dispositivi personali e aziendali, condivisione di dati fuori dal perimetro aziendale e l’imprevedibile “fattore umano” hanno favorito più che mai, in questi mesi, la crescita esponenziale di malware informatici ai danni di enti e imprese. Eppure, lo smart working, che ha costretto migliaia di lavoratori a traslocare l’ufficio tra le mura domestiche, non è una formula di lavoro da demonizzare. Tutt’altro. Sono molte le imprese che proseguiranno le attività in modalità remota. Ma quali sono gli aspetti di maggiore criticità da gestire e cosa significa adottare una logica multidisciplinare?…

Leggi l’articolo completo in abbonamento. 

Fonte: Ipsoa | di Valentina Frediani

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL