Smart city, privacy a rischio nel progetto di Google a Toronto

Il modello utilizzato dalla società appartenente alla casa madre di Google, nella raccolta e nella gestione dei dati, potrebbe presentare diverse criticità in termini di tutela dei dati personali

 

Nelle ultime settimane diversi consulenti ed esperti al lavoro per Sidewalk Labs di Alphabet hanno abbandonato il faraonico progetto smart city in fase di progettazione sul lungo lago di Toronto.

Il motivo? Seri problemi di privacy.

Come riportato in un articolo sulla MIT Technology Review, il modello utilizzato dalla società appartenente alla casa madre di Google, nella raccolta e nella gestione dei dati, potrebbe presentare diverse criticità in termini di tutela dei dati personali.

Lo stesso ex Commissario per la privacy della provincia dell’Ontario, Ann Cavoukian, ha deciso di abbandonare il progetto in fase di sviluppo e realizzazione nei Sidewalk Labs: le terze parti che potranno accedere ai dati molto probabilmente avranno anche il modo di identificare le persone monitorate dalla piattaforma smart city, violando inevitabilmente la privacy degli ignari cittadini.

 

Leggi l’articolo completo su technologyreview.com dal titolo “Experts are leaving Alphabet’s smart-city project over privacy concerns”.

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL