Riconoscimento facciale, anche la Francia mette al bando Clearview

Dopo Canada, Australia e Regno Unito, anche le autorità per la privacy francesi hanno imposto alla più controversa startup di riconoscimento facciale di sospendere le sue attività.

I servizi della controversa azienda statunitense specializzata nel riconoscimento facciale Clearview Ai sono stati nuovamente dichiarati illegali, questa volta da parte del Garante della privacy francese. A partire dal 2017, la società ha creato un database di oltre 10 miliardi di immagini personali, raccogliendo senza consenso foto online per poter vendere un servizio di identificazione biometrico alle forze dell’ordine

Leggi l’articolo completo. 

Fonte: Wired | di Kevin Carboni

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL