Quando la banca può cedere e trasferire dati dei clienti

Ho tre finanziamenti in tre banche differenti e, all’inizio dei rapporti, ho firmato i documenti per la privacy. Ora tutti e tre gli istituti hanno cambiato titolarità e iban ed i miei documenti sono andati in automatico al nuovo subentrante senza il mio consenso. È stata violata la legge? Non occorreva il mio consenso?

A parere dello scrivente non vi è stata alcuna violazione. Il principio di massima è che i dati personali dei clienti possono essere trattati dalla banca solo per scopi leciti, nel rispetto della disciplina in materia di protezione dei dati personali.

Di norma, la comunicazione di dati personali è legittima quando: la richiesta giunge dal fisco (controlli sull’evasione) o dall’autorità giudiziaria; la comunicazione costituisce un preciso obbligo di legge a cui la banca non può sottrarsi (ad esempio, in materia di antiriciclaggio); si tratta di dati comunque pubblici (perché, ad esempio, contenuti in archivi da chiunque consultabili); la comunicazione costituisce un legittimo interesse del titolare (banca) o di un terzo destinatario dei dati, anche in riferimento all’attività di gruppi bancari e di società controllate o collegate, a meno che non prevalgano i diritti e le libertà fondamentali, la dignità o un legittimo interesse dell’interessato…..

 

Fonte La Legge per tutti, Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Mariano Acquaviva. Leggi l’articolo Banca: cessione, trasferimento dati dei clienti e privacy

 

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL