Privacy Shield, Ue agli Usa: intensificare controlli su utilizzo dello scudo

Commissaria Jourova, 5mila imprese partecipano a Privacy Shield.

“Sulla privacy gli Stati Uniti stanno compiendo passi avanti, ma devono intensificare le indagini sulla conformità allo scudo Ue-Usa”. Lo ha detto la Commissaria per la Giustizia e la tutela dei consumatori Vera Jourova presentando a Bruxelles la terza revisione annuale del Privacy Shield, l’accordo Ue-Usa che tutela l’utilizzo dei dati personali degli europei trasferiti oltre oceano. La Commissaria ha ricordato che la Commissione federale per il Commercio degli Usa lo scorso anno ha intrapreso azioni su sette casi e ha imposto una multa a Facebook di cinque miliardi e ha espresso soddisfazione per la partecipazione di 5mila imprese. Restano però ancora dubbi sull’effettivo utilizzo anche da parte dei cittadini.

“Continueremo il dialogo sulla diplomazia digitale con i colleghi statunitensi per rafforzare lo scudo, anche per quanto riguarda la supervisione”, ha detto la Jourova. La Commissione Ue ha chiesto agli Usa di rafforzare gli sforzi fornendo all’Ue informazioni sulle indagini in corso. Tra le raccomandazioni dell’esecutivo Ue: rafforzare e abbreviare i tempi del processo di ri-certificazione per le aziende che vogliono partecipare allo scudo; ampliare i controlli di conformità, anche sulle false dichiarazioni di partecipazione al quadro; sviluppare ulteriori indicazioni per le aziende relative ai dati sulle risorse umane.

Fonte: Ansa

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL