Privacy Shield, perché l’Ue sta litigando con Trump anche sulla Data Protection

La commissaria per la protezione dei consumatori europei, Věra Jourová, ha scritto al segretario del commercio Usa per lanciare l’ultimatum a Trump: ‘Adeguarsi entro il primo ottobre al Privacy Shield’.

Tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti guidati da Donald Trump non corre buon sangue. Non solo per la guerra dei dazi, per il momento scongiurata su tutto, tranne sulle automobili, e per le continue multe inflitte dall’Antitrust Ue alle principali società hi-tech statunitense: da Microsoft ad Apple fino ad arrivare, alla più recente, di 4,3 miliardi di euroGoogle, commentata così da Trump: “l’Ue si è davvero approfittato degli Stati Uniti, ma non durerà a lungo”.

Lo scontro si sta giocando anche sulla campo della privacy, in particolare sul Privacy Shield, lo ‘scudo’ che dovrebbe garantire la Data Protection di cittadini e aziende europee da parte degli Stati Uniti. Dato che gli Usa, da quando l’accordo è entrato in vigore dal 2016 con l’amministrazione Obama, non ha fatto nulla per garantire gli impegni sottoscritti, la commissaria per la protezione dei consumatori europei, Věra Jourová, ha scritto al segretario del commercio Usa, Wilbur Ross, per lanciare l’ultimatum a Trump: “Adeguarsi entro il primo ottobre al Privacy Shield, altrimenti salta l’accordo”. In particolare Jourová nella sua lettera ha chiesto alla Casa Bianca di nominare al più presto l’ombudsman permanente, ossia il responsabile che vigili sulla corretta applicazione del Privacy Shield e gestisca anche le denunce di abusi della privacy da parte di cittadini e aziende europee. Concretamente l’accordo è in vigore per autorizzare più di 3.300 società al trasferimento di dati personali (foto, email, ecc…) dalla Ue agli Usa, compresi i grandi player della rete come FacebookGoogleMicrosoftAmazon e Twitter, per citare i più noti.

“Ora che il nuovo segretario di Stato è in carica e il mandato di questa amministrazione sta giungendo al secondo anno, l’Ue non giustifica il ritardo nella nomina di una figura così importante per il rispetto del Privacy Shield’, ha scritto Věra Jourová nella lettera indirizzata soprattutto al presidente Usa. La commissaria alla Giustizia e alla protezione dei consumatori europei non vorrebbe affatto propendere alla sospensione del patto sulla privacy con gli Usa, non farebbe gli interessi dell’Ue, ma punta ad ottenere la conformità entro ottobre prossimo, mese in cui è prevista a Bruxelles la visita dello stesso segretario del commercio Usa, Wilbur Ross.

Privacy Shield, il Parlamento Ue chiede la sospensione da settembre

Invece a chiedere di sospendere il Privacy Shield dal primo settembre prossimo è stato il Parlamento Ue. Nella risoluzione, depositata alla Commissione, gli europarlamentari lamentano una serie di inadempienze da parte dell’amministrazione americana nella mancata applicazione del Privacy Shield, la cui seconda revisione annuale da parte della Commissione Ue è in agenda a ottobre.

Come prevede l’accordo, l’Ue può revocare, unilateralmente, il Privacy Shield, che viene considerato dall’amministrazione Trump troppo “rigoroso” e forse poco remunerativo per le aziende americane che hanno a che fare con i dati dei cittadini e delle imprese europee. Aziende americane che devono anche rispettare, dal 25 maggio scorso, il GDPR. Infatti il regolamento deve essere applicato non solo nei 28 Paesi dell’Ue ma in ogni parte del mondo in cui sono trattati i dati dei cittadini europei.

Fonte: Key4biz | di Luigi Garofalo

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL