Privacy Shield: il difficile equilibrio tra libertà e sicurezza digitale

Il Privacy Shield che regolamenta lo scambio di dati personali tra Stati Uniti ed Europa verrà sottoposto a revisioni, aggiustamenti e integrazioni.

Negli ultimi vent’anni il mondo è cambiato profondamente: internet ha costruito un reticolo di telecomunicazioni che non si limita al solo scambio di dati tra utenti, ma anche tra fornitori stessi di servizi. La raccolta, la protezione e l’analisi di tali dati è un argomento critico nella definizione dei rapporti transatlantici. Il loro flusso è in costante crescita ed è sempre più pressante la richiesta di una legislazione che protegga sia la privacy degli individui sia la sicurezza nazionale. Un quadro normativo sulla privacy è già presente da decenni sia negli Stati Uniti sia in Europa. Negli USA atti legislativi risalenti agli anni Settanta già regolano la raccolta di dati da parte del governo e degli istituti di credito (si vedano, per esempio, il Fair Credit Reporting Act del 1970 o il Privacy Act del 1974). Non mancano peraltro leggi statali e un’abbondante giurisprudenza in materia. In Europa la situazione è più complessa a livello istituzionale: la legislazione e le autorità nazionali mantengono la prerogativa per questioni di sicurezza nazionale, mentre in tema di privacy, sicurezza digitale e protezione dei dati personali le istituzioni centrali europee hanno un ruolo primario e fondamentale, e il riconoscimento del diritto alla protezione dei dati personali è invero garantito espressamente dalla Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, all’articolo 8. La prima direttiva che armonizzasse a livello europeo le legislazioni nazionali in materia risale al 1995: la Direttiva sulla tutela dei dati, la quale considera la possibilità di trasferimento dei dati in una nazione terza solo a patto che essa assicuri un adeguato livello di protezione degli stessi.

Le divergenze tra Europa e Stati Uniti

La sensibilità in tema di privacy dei due attori si differenzia perché diverse sono le formae mentis che li contraddistinguono. La divergenza più evidente riguarda la protezione costituzionale dei dati personali: se in Europa essa è garantita nel diritto primario, negli Stati Uniti non vi è una corrispondente normativa. I principi e gli standard che l’Unione Europea garantisce sono in maggioranza accettati negli Stati Uniti, ma in questi ultimi sono spesso soggetti a restrizioni qualora prevalgano esigenze di mantenimento dell’ordine o di sicurezza nazionale. Emblematico è il fatto che nel Vecchio Continente, quando una normativa è in contrasto con la legge fondamentale, l’individuo ha facoltà di ricorrere ai rimedi previsti; negli Stati Uniti, invece, non sorge automaticamente un tale diritto in capo al singolo. Non solo, differenti approcci interessano anche le persone che godono di protezione: negli Stati Uniti la nazionalità e la residenza sono strumenti di discrimine nei confronti dei non residenti, mentre in Europa chiunque sia soggetto a misure di sorveglianza viene protetto.

La contrapposizione tra Stati Uniti ed Europa trova declinazione anche nel mercato dei servizi di archiviazione dei dati online. Il 40% della quota di mercato in Europa occidentale è detenuta da quattro aziende, tutte americane. Nel 2013 sono state rivelate da Edward Snowden informazioni sul programma PRISM condotto da NSA americana e GCHQ inglese: gli incaricati delle agenzie sono penetrati nei server di nove tra le aziende leader di servizi internet statunitensi per carpire dati relativi a comunicazioni, per lo più estere, transitanti su server ubicati sul suolo statunitense. Reazioni di sdegno hanno percorso il Continente europeo, spingendo l’Amministrazione Obama a cercare un accordo con l’Europa, giunto solo nel luglio 2016 e denominato Privacy Shield. Lo Scudo per la privacy ha sostituito il precedente accordo Safe Harbor, risalente al 2000 e dichiarato nullo dalla Corte Europea di Giustizia nel 2015 perché non in grado di fornire un sufficiente livello di protezione dei dati trasferiti dall’UE agli USA.

Leggi l’articolo originale L’accordo Privacy Shield: il difficile compromesso tra libertà e sicurezza digitale

Fonte: TheAmericanpost.it | di Elena Moleri

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL