Privacy, Nexi e i database pubblicati su Pastebin. Tutti i dubbi sul data-leak

Ieri sera Pastebin, popolare piattaforma di condivisione di codici sorgente, software, data set e altri contenuti a volte molto sensibili, mostrava al suo pubblico una serie di elenchi di utenti riferiti a Nexi. Elenchi completi di nomi e cognomi, indirizzi, codici fiscali, addirittura il numero del telefono personale. Insomma, veri e propri database completi di clienti del gigante dei pagamenti digitali in Italia, prova di un attacco informatico in piena regola.

Sul fatto si sta ovviamente cercando di fare luce, perché i dubbi sull’autenticità dell’attacco sono ancora molti. L’ethical hacker Pawel Zorzan Urban si è già messo al lavoro e ieri sera è stato tra i primi a far girare la notizia, rilanciando il messaggio dei presunti cyber criminali: “Dati personali clienti Nexi Spa. Un saluto a Paolo Bertoluzzo, Luca Biancardi, Alessandro Cocciolo. Un abbraccio dagli schiavetti di Montefeltro”.

Si tratta davvero della traccia di un attacco hacker?
Si tratta di data breach e data leak assieme? Quindi di sottrazione illecita e divulgazione non autorizzata di dati sensibili?

A giudicare dal messaggio, come ha anche suggerito Zorzan Urban, si potrebbe dedurre che l’attacco possa provenire dall’interno, o che comunque sia un fatto nato e consumato dentro Nexi (Vendetta personale? Cliente insoddisfatto? Faida interna?).
Ci sono riferimenti a singole persone e a quello che pare “un gruppo” specifico di persone (“gli schiavetti di Montefeltro”).
Su questo indagheranno Polizia Postale e la stessa società vittima dell’ipotetico attacco.

Al momento, a seguito dell’analisi condotta a caldo da Zorzan Urban, “L’analisi delle prime porzioni di database ha portato ad un totale di 14.241 record privati esposti. 1.709 record comprendono numeri di cellulare associati a persone fisiche”.
Si parla di diverse liste con migliaia di utenti, oltre 10.000 in totale quelli che parrebbero coinvolti.

È anche vero, però, che nelle ultime ore, ulteriori indagini hanno portato ad un “ridimensionamento” dell’evento. Come ha scritto stamattina Simone Cosimi su La Repubblica: “Ancora, potrebbe trattarsi di un sottoinsieme, cioè dei clienti di uno specifico servizio di Nexi, o più semplicemente di informazioni datate, visto che nel corso della notte diversi utenti hanno analizzato gli elenchi, che non contengono comunque informazioni finanziarie di alcun genere, e non sono riusciti a individuarsi”.

In base all’ultimo aggiornamento diffuso sulla pagina LinkedIn di Zorzan Urban, sembra che i suddetti link incriminati siano scomparsi: “Aggiornamento ore 03:10 30 Luglio 2019 – Rimossi link da Pastebin”.

Stamattina, su TGCom24 è stata pubblicata la notizia della denuncia di Nexi alle autorità per “presunto attacco hacker ai suoi danni, senza rilevare però alcuna violazione ai propri sistemi informatici e, soprattutto, alla sicurezza delle carte di pagamento da essa gestite”.
Sembrerebbe inoltre che Nexi abbia deciso di dare notizia del presunto attacco su un sito internet straniero, parlando di “un post anonimo contenente una lista di circa 18mila nominativi corredati da dati personali di presunti clienti Nexi“.
“In molti casi – secondo quanto dichiarato da Nexi e riportato dall’Ansa – i dati anagrafici contenuti nel sito non trovavano corrispondenza con quelli contenuti nei propri sistemi informatici”. Questo non ha impedito all’Azienda di “diffidare immediatamente il sito internet che ha pubblicato i dati”, che a sua volta li ha “prontamente rimossi”.

Nuove porzioni di Database Nexi continuano comunque a diffondersi in rete e in serata l’ethical hacker ha aggiornato il totale del database caricato, che ora ammonta a 21.689 record.

Nexi gestisce più di 41 milioni di carte di credito nel nostro Paese, attraverso 150 Istituti bancari partner (circa l’80% degli sportelli dell’interno sistema bancario nazionale), 1,4 milioni di terminali pos e 13.400 atm. Da aprile 2019 è una società quotata in Borsa.

Fonte: Key4biz.it

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL