NY, Facebook dovrà consegnare i dati dei sospetti di frode

L’alta corte dello Stato di New York ha respinto l’appello di Facebook contro 381 mandati di perquisizione telematica ricevuti nell’ambito di indagini contro i responsabili di una sospetta frode.

In pratica, Facebook dovrà fornire alle autorità i dati delle persone sospette di aver frodato la Social Security Administration ottenendo indebitamente dei sussidi di disabilità.

Con un voto 5-1, la Corte ha respinto l’appello di Facebook contro le richieste dell’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan, Cyrus Vance Jr. La decisione rappresenta una sconfitta per i gruppi che sostengono un maggiore rispetto della privacy tra cui la New York Civil Liberties Union e l’Electronic Frontier Foundation.

L’accusa aveva ottenuto i mandati nel luglio 2013 ordinando a Facebook di consegnare informazioni di account appartenenti a persone sospettate della frode: sessantadue utenti di Facebook sono stati successivamente incriminati su un totale di 134 indagati.

Leggi l’articolo originale Court rejects Facebook’s request to withhold hundreds of accounts from fraud investigation

 

Fonte: Business Insider | di Jonathan Stempel

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL