Mark Zuckerberg sottovaluta la privacy, Facebook di nuovo nella bufera

Il nuovo sospetto nasce da una serie di e-mail scoperta dallo stesso re dei social network nel corso di indagini interne scattate per rispondere alle richieste di trasparenza da parte delle autorita’ federali.

Mark Zuckerberg ha “scherzato” con la privacy. E così avrebbero fatto i suoi piu’ stretti collaboratori al vertice di Facebook. Il nuovo sospetto nasce da una serie di e-mail scoperta dallo stesso re dei social network nel corso di indagini interne scattate per rispondere alle richieste di trasparenza da parte delle autorita’ federali, impegnate a fare luce sulle pratiche legate alla protezione degli utenti e delle loro informazioni personali. I messaggi di posta elettronica suggerirebbero che Zuckerberg e i suoi non hanno preso seriamente la necessita’ di rispettare un accordo che avevano raggiunto in questo senso con la Federal Trade Commissione già nel 2012. Mostrerebbero, al contrario, che i top executive del gruppo non hanno considerato una priorità dare seguito a quell’impegno formale.

L’esistenza delle e-mail e’ stata riportata dal Wall Street Journal e potrebbe mettere in crescete difficolta’ l’azienda, al centro di una bufera sulla privacy. Secondo indiscrezioni, proprio il desiderio di tenerle lontane dai riflettori avrebbe spinto Facebook a cercare di accelerare al massimo i tempi di una nuova intesa con le authority per il pagamento di una multa record da cinque miliardi di dollari, affiancata da maggiori controlli, per archiviare lo scandalo di Cambridge Analytica. cioè della societa’ di ricerca e analisi elettorale assunta da Donald Trump durante la scorsa campagna presidenziale e che aveva ottenuto accesso proprio a dati di decine di milioni di utenti del social network senza il loro consenso.

Vai all’articolo completo qui. 

Fonte: Ilsole24ore.com | di Marco Valsania

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL