L’UE propone legge contro le backdoor nelle app di messaggistica

L’UE ha lanciato un progetto di legge che vuole rendere illegali le “backdoor” nelle app di messaggistica. Attraverso una backdoor i gestori delle app avrebbero facile accesso alle comunicazioni degli utenti bypassando la criptazione.

La legge fa parte delle nuove proposte lanciate dall’UE sulla privacy dei dati

Il progetto in discussione al Parlamento Europeo si scontra con la recente richiesta del governo britannico di ottenere accesso alle comunicazioni crittografiche su WhatsApp e altre piattaforme.

Parte degli emendamenti, proposti dalla Commissione europea nel mese di gennaio, e ora all’esame del Parlamento, cercano di occuparsi dei servizi offerti dai cosiddetti over-the-top (OTT). I servizi utilizzati da miliardi di persone ogni giorno replicano la funzionalità dei sistemi di comunicazione tradizionali, come i telefoni fissi, ma non sono regolamentati allo stesso modo e non offrono protezioni simili per gli utenti.

Ad esempio, il governo britannico ha richiesto più volte alle aziende di creare un modo per accedere alle comunicazioni crittografate con crittografia end-to-end utilizzata da popolari app come Signal e WhatsApp che impedisce l’intercettazione di messaggi privati.

Il progetto di proposta dell’UE esclude categoricamente la possibilità di introdurre tali misure.

Leggi l’articolo originale EU seeks to outlaw ‘backdoors’ in new data privacy proposals

Fonte: The Guardian | di Samuel Gibbs

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL