L’UE approva le nuove norme per proteggere i “Whistleblowers”

La protezione dei ” Whistleblowers” è diventata legge europea. Il Parlamento ha infatti approvato con 591 voti favorevoli, 29 contrari e 33 astensioni, la nuova normativa che tutela in tutti gli Stati membri gli informatori di  illeciti, frodi, corruzioni e di ogni violazione del diritto dell’Unione.

BRUXELLES – Il parlamento europeo ha detto sì a nuove norme che proteggano i cosidetti “Whistleblower”. Via libera dunque a larga maggioranza a nuove norme per proteggere coloro che divulgano informazioni su attività illegali o dannose, acquisite nel contesto lavorativo. Le nuove regole a livello europeo, approvate dall’Eurocamera con 591 voti favorevoli, 29 contrari e 33 astensioni dovrebbero proteggere gli informatori che rivelano le violazioni del diritto comunitario in settori quali appalti pubblici, servizi finanziari, riciclaggio di denaro, sicurezza dei prodotti e dei trasporti, sicurezza nucleare, salute pubblica, protezione dei consumatori e dei dati.

Per garantire la sicurezza dei potenziali informatori e la riservatezza delle informazioni divulgate, le nuove norme consentiranno di comunicare le segnalazioni all’interno dell’ente interessato (come un’azienda), direttamente alle autorità nazionali competenti, o agli organi e le agenzie competenti dell’Ue. Nei casi in cui non siano state adottate delle misure adeguate in risposta alla segnalazione iniziale di un “whistleblower”, o se si ritenga che vi sia un pericolo imminente per l’interesse pubblico o un rischio di ritorsione, l’informatore sarà comunque protetto se deciderà di divulgare pubblicamente le informazioni, senza passare attraverso questi canali. La nuova normativa Ue vieta esplicitamente le rappresaglie e introduce delle salvaguardie per evitare che chi denuncia sia sospeso, declassato e intimidito o si trovi ad affrontare altre forme di ritorsione.

Saranno tutelati anche coloro che assistono gli informatori, come i facilitatori, i colleghi e i parenti. Gli Stati membri dovranno garantire che gli informatori abbiano accesso gratuito a informazioni e consulenze complete e indipendenti sulle procedure e sui mezzi di ricorso disponibili, nonchè all’assistenza legale nel corso del procedimento. Durante i procedimenti giudiziari, gli informatori potranno ricevere sostegno finanziario e psicologico. Le aziende e le autorità pubbliche dovranno creare canali di comunicazione appositi per “whistleblower”, ma le piccole imprese e i piccoli municipi potranno essere esentati da tali obblighi.

Vai qui per l’articolo completo.

 

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL