Le principali telco Ue alleate per la privacy degli utenti

Deutsche Telekom, Telefonica, Orange e Vodafone uniscono le forze per difendere la privacy degli utenti nel ricco mercato della pubblicità digitale.

I principali operatori europei uniscono le forze per difendere la privacy degli utenti nel ricco mercato della pubblicità digitale, che di fatto diventa un loro obiettivo di business.

Mentre Google è al lavoro per velocizzare la fine dei cosiddetti cookies di terze parti, i principali operatori Ue propongono un’alternativa in grado di rispettare la privacy e la sicurezza delle informazioni personali che circolano sul web.

La notifica della joint venture a Bruxelles in PDF

TrustPid

Telefonica, OrangeVodafone Deutsche Telekom hanno chiesto il via libera alla Commissione Europea per mettere in piedi una joint venture a questo scopo.

La Commissione ha ricevuto la notifica in questione lo scorso 6 gennaio, per la creazione di una joint venture, da chiamare TrustPid.

Un bel lascito da parte di Stephane Richard, Ceo di Orange Group, e Nick Read, Ceo di Vodafone Group, in vista del passaggio del testimone rispettivamente a Christel Heydemann e Margherita Della Valle.

Sfida ai giganti dell’advertising online

La mossa sembra essere uno sforzo per creare un intermediario più affidabile e sicuro tra utenti mobili e servizi digitali rispetto alle piattaforme gestite dai principali giganti della ricerca e della distribuzione pubblicitaria come Google e Meta/Facebook.

Secondo la documentazione presentata a Bruxelles, le più grandi società di telecomunicazioni in Spagna, Francia, Regno Unito e Germania hanno unito le forze per offrire “una soluzione di identificazione digitale basata sulla privacy” con l’obiettivo di “supportare le attività di marketing e pubblicità digitale di brand e editori”.

Tra le altre cose, le principali società di accesso al web del Vecchio Continente richiederanno il consenso preventivo degli utenti per generare un token sicuro e uno pseudonimo derivato da un’identità interna crittografata collegata all’abbonamento di rete di un utente. “Questa unità di valore – fornita solo dai suddetti operatori – e anche proprietari della maggior parte delle infrastrutture di telecomunicazioni del continente a “riconoscere un utente senza rivelare alcun dato personale direttamente identificabile”.

Un token agli utenti per la pubblicità online

L’idea è che, durante la connessione alla rete degli operatori, all’utente venga assegnato un token chiamato TrustPid, che utilizza l’indirizzo IP per creare un token pseudonimo che viene poi commercializzato per scopi di marketing.

“Gli operatori di rete o TrustPid non trasmettono dati sui clienti, come dati demografici o di rete”, afferma la pagina web del progetto.

I token pseudonimi vengono prodotti per ogni sito Web, il che significa che non è possibile produrre un profilo utente esteso come con i cookie. Tuttavia, i diversi token vengono combinati tramite un “abbinamento sicuro” che impedisce che la pubblicità venga mostrata troppe volte alla stessa persona.

Con questo meccanismo, la industry delle telecomunicazioni concretizza parte del suo impegno a preservare la sovranità dei propri dati, “che consentirà loro di ottimizzare la diffusione di pubblicità, siti e applicazioni”. Inoltre, gli utenti avranno accesso a un portale sulla privacy dove potranno rivedere a quali marchi ed editori hanno dato il loro consenso esplicito e ritirarlo se lo desiderano.

In questo modo le telco potrebbero mettere un piede nel ricco mercato dell’advertising online.

Apple ha preso l’iniziativa sulla questione richiedendo alle app di chiedere agli utenti un’autorizzazione esplicita per rintracciarle su altre app e siti Web. Questa mossa ha rappresentato una grave battuta d’arresto per Google Meta. Infatti, questi due gruppi statunitensi rappresentano oltre la metà dei ricavi del mercato della pubblicità digitale, sebbene le rispettive quote di mercato siano diminuite notevolmente negli ultimi anni.

Guerra ai cookie, TrustPid alternativa

La gestione rispettosa dei cookie consentirebbe di eliminare la scia di informazioni lasciata da ciascun utente durante la navigazione online (disponibile in questi cookie), che attualmente serve a velocizzare la navigazione in Internet rivelando gli interessi degli utenti di Internet. Google prevede di lanciare le corrispondenti API Privacy Sandbox dal prossimo autunno, con l’obiettivo che questi strumenti siano inizialmente operativi nel browser Chrome e saranno in grado di eliminare i cookie di inserzionisti ed editori a partire dalla metà del prossimo anno.

Vodafone e Deutsche Telekom stanno lavorando dall’estate con le rispettive reti in Germania per testare TrustPid con editori, brand e inserzionisti. Per il momento il regolatore ha fissato al 10 febbraio il termine ultimo per decidere l’accordo tra i quattro operatori.

Maggiori informazioni su TrustPid

Sul sito di TrustPid, si legge che

La pubblicità su Internet è attualmente nelle mani di pochi operatori di piattaforme dominanti.

Questo dominio potrebbe aumentare ulteriormente con l’imminente fine dei cosiddetti cookie di terze parti, che sono problematici dal punto di vista della protezione dei dati.

Gli editori che dipendono urgentemente dalla pubblicità per supportare la creazione di contenuti, sono quindi alla ricerca di modi per diventare più indipendenti, mantenendo allo stesso tempo gli standard di protezione europei in modo che i clienti mantengano la completa proprietà dei propri dati attraverso trasparenza e controllo.

Il gruppo Vodafone sta attualmente conducendo un test che coinvolge altri fornitori di telecomunicazioni europei, tra cui Deutsche Telekom e alcuni inserzionisti ed editori, per indagare sui vantaggi di una nuova soluzione tecnica per facilitare la pubblicità e il marketing digitale.

Siamo in corso discussioni con il Commissario federale per la protezione dei dati e la libertà di informazione (BfDI) sulla soluzione in fase di sperimentazione.

L’obiettivo del test è quello di esaminare la fattibilità tecnica.

Consumatori, inserzionisti ed editori potrebbero beneficiare di questa tecnologia in futuro.

TrustPid è il nome di questa piattaforma di test, che è disponibile per i clienti interessati dei fornitori di telecomunicazioni partecipanti.

Questi clienti possono provare il nuovo approccio per tutta la durata del test – la partecipazione è possibile solo previo consenso volontario ed esplicito (cd opt-in).

TrustPid è un’infrastruttura multioperatore per la pubblicità digitale e il marketing digitale.

È da considerarsi un’alternativa alle piattaforme dominanti e un controdesign ai cookie di terze parti ancora oggi presenti.

Nel processo TrustPid, i provider di telecomunicazioni forniscono l’infrastruttura di rete per il servizio. Creano token pseudo-anonimi per il cliente, a condizione che il cliente sia attivamente d’accordo, elaborando l’indirizzo IP del cliente. Questo serve come base per la creazione di token, che vengono poi gestiti da TrustPid.

Per un singolo utente, il token generato sarà diverso per ogni diverso partner. Ciò limita la fusione di dati di partner diversi per creare profili sui clienti, uno dei grandi svantaggi per i consumatori nel modo in cui funziona oggi la pubblicità digitale.

I fornitori di telecomunicazioni non arricchiscono i token con dati sui clienti o sul traffico né sono forniti dal servizio in altro modo.

Né i partner, né TrustPid stesso, possono identificare un individuo tramite i token creati da TrustPid.

La soluzione mira a consentire consigli personalizzati sui prodotti su Internet che molti utenti desiderano, ma in modo sicuro e rispettoso della privacy.

In questo modo garantiamo la disponibilità e la diversità dei contenuti anche in futuro.

Gli utenti decidono autonomamente di attivare questo servizio.

Possono revocare centralmente in qualsiasi momento il consenso prestato e bloccare il servizio.

Questa dichiarazione non sarà riattivata automaticamente in nessun caso.

Possono essere certi che i loro dati saranno trattati con cura e utilizzati solo per scopi per i quali hanno esplicitamente acconsentito. Naturalmente, tutte le parti coinvolte in questo test rispettano i requisiti del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), nonché tutte le altre leggi applicabili.

Il test TrustPid attualmente in corso in Germania non significa automaticamente che la tecnologia sarà formalmente lanciata come proposta commerciale”.

Fonte: Key4biz | di Paolo Anastasio

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL