Le conseguenze del Covid sul trattamento dei dati sanitari

La pandemia in corso richiede un ripensamento sul rapporto tra privacy e salute pubblica.

L’emergenza sanitaria in atto impone un’attenta riflessione sull’evoluzione del rapporto tra privacy e sanità pubblica e sulla rilevanza dell’interesse pubblico nell’attività di trattamento dei dati personali.

Le circostanze eccezionali e contingenti hanno evidenziato, apertis verbis, l’importanza della disciplina della protezione dei dati personali e di piani d’investimento sulla sicurezza informatica, finalizzati a canalizzare il flusso dei Big Data in ambito sanitario.

La raccolta e l’utilizzo dei dati relativi alla salute sono stati infatti strumenti indispensabili nell’azione di contrasto e contenimento della pandemia.
Una disamina puntuale però deve soffermarsi e chiarire la portata del bilanciamento tra interessi collettivi e libertà fondamentali, quando si discute di diritto, etica e sanità pubblica.

Continua a leggere qui. 

Fonte: quotidianosanità.it | di Lucia Lipari

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL