Le app di tracciamento anti-Covid dialogheranno tra loro in Europa

Che conseguenze ci saranno per la privacy dei cittadini europei dallo scambio di dati tra le diverse applicazioni?

Il direttore del Foglio Claudio Cerasa ha lanciato una proposta a tutti i giornali italiani: quelle di dedicare oggi uno spazio a Immuni, la app di tracciamento anti Covid per spiegare perché “avere più tracciamento significa avere più sicurezza, più salute e dunque più libertà”.
Anche per i nostri eventuali viaggi all’estero.
Dal 17 ottobre, infatti, Immuni, che è stata finora scaricata da 6 milioni 600 mila utenti in Italia, dialogherà con le altre app nazionali funzionando anche oltre confine.
Sono al momento 15 i Paesi che, come il nostro, hanno attivato o stanno attivando un’app di tracciamento. Si tratta di Austria, Croazia, Danimarca, Estonia, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia, Malta, Olanda, Spagna, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca. Belgio, Cipro e Lituania si aggiungeranno nei prossimi giorni.

 

Continua a leggere qui.

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL