Le app della Coppa del Mondo sono un incubo per la sicurezza dei dati e la privacy

Le app a download obbligatorio per accedere alla Coppa del Mondo pongono seri interrogativi in merito a privacy e sicurezza.

Con il download obbligatorio di spyware e decine di migliaia di telecamere di sorveglianza dotate di tecnologia di riconoscimento facciale, i Mondiali di calcio che si terranno in Qatar il mese prossimo assomigliano più a un incubo per la sicurezza dei dati e per la privacy che a una celebrazione dello sport.

Gli appassionati di calcio e gli altri visitatori del Qatar devono scaricare due applicazioni: Ehteraz, un tracker di Covid-19, e Hayya, che consente ai possessori di biglietti di entrare negli stadi e di accedere ai servizi gratuiti di trasporto in metropolitana e autobus.

Il sistema di tracciamento dei contatti Ehteraz del Qatar è stato oggetto di critiche già prima dell’utilizzo per la Coppa del Mondo, perché consente l’accesso remoto alle foto e ai video degli utenti e può effettuare chiamate senza preavviso.

Inoltre, Ehteraz richiede che i servizi di localizzazione in background siano sempre attivi e dà all’applicazione la possibilità di…

Leggi l’articolo completo (in inglese).

Fonte: The Register | di Jessica Lyons Hardcastle

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL