L’austriaca Andrea Jelinek a capo del gruppo di lavoro ex Articolo 29

Andrea Jelinek, responsabile dell’Autorità per la protezione dei dati dell’Austria, diventerà il nuovo capo dell’organismo che riunisce le autorità nazionali dell’UE,noto come articolo 29.

Il capo della protezione dei dati dell’Austria è stato nominato capo del comitato di sorveglianza dei dati dell’UE che avrà il potere di imporre nuove e severe leggi sulla privacy da maggio di quest’anno.

Andrea Jelinek, attuale responsabile dell’Autorità per la protezione dei dati dell’Austria, diventerà il nuovo capo dell’organismo che riunisce le autorità nazionali dell’UE ed è noto come gruppo di lavoro articolo 29.

L’organismo assumerà sempre maggiore importanza e diventerà il Consiglio europeo per la protezione dei dati quando le nuove leggi dell’UE sulla privacy verranno introdotte in tutti i suoi Stati membri dal 28 maggio. L’EDPB sarà responsabile dell’applicazione del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) e sarà in grado di multare imprese fino a 20 milioni di euro o il 4% del fatturato annuale per violazioni della privacy.

Leggi l’articolo originale Austrian becomes head of new EU data protection regulator

Fonte: FinancialTimes.com | di Mehreen Khan

© 2017 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL