La sepoltura dei feti e la privacy delle mamme

Una segnalazione di una ragazza romana sui social network ha fatto emergere la questione della sepoltura dei bambini non nati o abortiti in rapporto alla tutela dei dati personali della mamma. 

Ha trovato il proprio nome, insieme a quello di tante altre donne, scritto su una croce. Perché lì, nel cimitero di Prima Porta, è stato seppellito il suo feto. E’ diventato virale il post di una ragazza romana che, tramite il social network, ha provato a denunciare quanto accadutole definendolo “scandalosamente assurdo” . Una vicenda che, secondo la diretta interessata, porta a concludre che “la mia privacy è stata violata”., perchè sul cartellino che idenfifica quella sepoltura, al Flaminio, ora compare proprio il suo nome.

“Nel momento in cui firmai tutti i fogli relativi alla mia interruzione terapeutica di gravidanza, mi chiesero:  ‘Vuole procedere lei con esequie e sepoltura? Se sì, questi sono i moduli da compilare’. Risposi che non volevo procedere, per motivi miei, personali che non ero e non sono tenuta a precisare a nessuno.  Avevo la mente confusa, non ho avuto la lucidità sufficiente per chiedere cosa succedesse al feto”.

Continua a leggere qui. 

Fonte: Romatoday.it | di Redazione

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL