La DAD minaccia la privacy degli insegnanti

La didattica a distanza suscita più di qualche perplessità nel mondo della scuola. Il problema principale riguarda la privacy degli insegnanti.

La didattica a distanza, resasi necessaria dopo lo scoppio della pandemia e reintrodotta con la seconda ondata, suscita più di qualche perplessità ed è oggetto di non pochi dibattiti. Il problema principale riguarda la privacynon tanto quella degli studenti – molti dei quali non si preoccupano minimamente di difenderla – ma quella degli insegnanti. Spesso gli studenti sono portati a registrare le lezioni per poi rivederle o perfino condividerle in gruppi di WhatsApp, specialmente quando il povero prof commette qualche gaffe o, magari, quando il simpatico micione ruba la scena. La stessa cosa accade con i messaggi audio, che i malandrini registrano a insaputa del docente e poi condividono solo per burlarsi di lui….

Leggi l’articolo completo. 

Fonte: Focus Tech | di Gloria Fiorani

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL