La Commissione dei Consumatori (IMCO) mette Google prima dei cittadini

Il 28 settembre, la Commissione del Parlamento europeo per il Mercato Interno e la Protezione dei Consumatori (IMCO) ha adottato un parere sulla proposta di Regolamento e-Privacy. Proprio come già accaduto durante la revisione del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati personali (GDPR), l’impressione è che alcune strutture che dovrebbero difenderlo stiano combattendo duramente per minimizzare il diritto alla privacy e alla sicurezza dei cittadini europei.

Attualmente, il mercato della pubblicità online è dominato da Facebook e Google. Si stima che, negli Stati Uniti, il 99% della crescita del settore venga assorbito da queste due società. La maggior parte degli emendamenti adottati in IMCO servono allo scopo di difendere questa situazione anti-concorrenza, anti-scelta, anti-privacy e anti-innovazione.

 

Leggi l’articolo originale European Parliament Consumer Protection Committee chooses Google ahead of citizens – again

Fonte: EDRI | di Joe McNamee

© 2017 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL