La battaglia della privacy tra Apple e i fan dell’iPhone

L’azienda di Tim Cook ha messo a punto un metodo per intercettare le sequenze di fotografie sospette di abusi nei confronti dei minorenni, ma per gli attivisti e anche per alcuni scienziati è solo il cavallo di Troia per aggredire la protezione dei dati privati con conseguenze imprevedibili. 

Tim Cook, ceo di Apple ha convocato per domani la stampa. Presenterà nuovi modelli dell’iPhone, nuovi Air Pods e nuovi orologi digitali, come fa ogni anno a settembre. Si muoverà su un terreno più rassicurante di quello su cui si era coraggiosamente avventurato appena qualche settimana fa, quando annunciò una leggera modifica della struttura crittografica degli iPhone per raggiungere un obiettivo civico ammirevole, contenere uno dei grandi mali del nostro tempo: lo sfruttamento digitale della pornografia infantile e dei minori. O anche peggio, l’adescamento di minori sui social network, con tutte le conseguenze del caso.

Lo strumento introdotto da Apple sarebbe usato inizialmente sol…

Leggi l’articolo completo.

Fonte: Repubblica.it | di Giovanni Platero

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL