Il legittimo interesse: il bilanciamento tra diritti dell’interessato e vantaggi del titolare

I punti critici e le previsioni normative di un argomento delicato e di difficile applicazione.

Negli ultimi tempi, sempre più spesso le informative privacy dei siti internet fanno riferimento al concetto di legittimo interesse, quale una delle basi giuridiche utilizzabili oltre al consenso dell’interessato per il trattamento dei dati personali. Si tratta di un principio che consente al titolare di effettuare un bilanciamento tra l’interesse legittimo proprio o di terzi e i diritti e le libertà fondamentali degli interessati: se all’esito del bilanciamento, adottando una serie di misure e garanzie per gli interessati e considerando le loro ragionevoli aspettative, si può ritenere che il legittimo interesse prevalga sui loro diritti e libertà, sarà possibile trattare i dati personali senza ricorrere al consenso degli interessati.

Continua a leggere qui.

Fonte: wired.it | di Laura Liguori e Giulio Novellini

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL