Il Garante privacy Ue contro la carenza di applicazione del GDPR per le Big Tech

Il Garante europeo della protezione dei dati spinge sulla necessità di un modello di applicazione più centralizzato.

Il garante europeo della privacy Wojciech Wiewiórowski punta il dito contro la carenza di enforcement nei confronti delle grandi big tech come Meta e Google, sottolineando la necessità di un ruolo maggiore del regolatore pane europeo nell’implementazione della data protection continentale.

Secondo il garante europeo, ad oggi il GDPR non ha raggiunto gli obiettivi sperati nel limitare gli abusi delle grandi corporation in materia di protezione dati.

GDPR, speranze tradite

“Vedo anche la speranza che alcune promesse del GDPR vengano mantenute meglio. Io stesso condivido le opinioni di coloro che credono che non vediamo ancora un’applicazione sufficiente, in particolare contro le Big Tech”, ha affermato.

Le osservazioni saranno viste come un rimprovero non troppo velato nei confronti della Commissione irlandese per la protezione dei dati, che in Europa supervisiona la maggior parte delle aziende tecnologiche come Meta, Google e Apple ai sensi del GDPR perché tali società hanno sede in Irlanda.

Autorità irlandese debole

L’autorità di regolamentazione irlandese ha respinto le crescenti critiche sulla sua percepita mancanza di applicazione del GDPR, comminando diverse multe per WhatsApp, Facebook e Twitter. Ha anche molte altre sanzioni contro le aziende tecnologiche che aspettano dietro le quinte.

Ma le osservazioni di Wiewiórowski, il garante della privacy per le istituzioni dell’UE, suggeriscono che non è rimasto impressionato dai risultati dell’Irlanda finora.

“Troppo spesso il GDPR mostra i muscoli nei confronti di piccole realtà ma risparmia quelle grandi – ha detto Wiewiórowski – e così, invece di vedere un level playing field, osserviamo invece come i grandi player, grazie alle loro risorse, possono beneficiare dalla mancanza di un’applicazione forte e ampliare ulteriormente i loro vantaggi nei confronti dei concorrenti più piccoli”, aggiunge, raccontando come individui possono dover attenere anni per vedere i loro diritti rappresentati e suggerendo che un sistema di enforcement centralizzato potrebbe essere un modo per progredire e migliorare la situazione.

“Credo fermamente che, seguendo i migliori esempi di altri settori del diritto dell’UE, a un certo momento un modello paneuropeo di applicazione della protezione dei dati sarà un passo necessario per garantire una protezione reale e coerente di alto livello dei diritti fondamentali ai dati protezione e privacy in tutta l’Unione europea”, ha affermato.

Fonte: Key4biz | di Paolo Anastasio

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL