Garante della Privacy negli USA abolito per “logoramento”

C’è un garante della privacy negli Stati Uniti, un’agenzia federale non troppo nota il cui compito è quello di garantire che le agenzie di spionaggio americane proteggano la privacy dei cittadini e non abusino del proprio potere. Ma, secondo quanto riferito da The Intercept, il Privacy and Civil Liberties Oversight Board è rimasto con un solo membro attivo invece dei cinque di cui dovrebbe essere composto. Il che significa che, semplicemente, l’autorità di vigilanza è di fatto spogliata di quasi potere. 

Dei cinque membri che dovrebbero comporre il PCLOB non più di tre possono provenire dalla stessa parte politica; il Board dovrebbe inoltre avere un presidente a tempo pieno e il diritto ad un accesso regolare alle ben 17 agenzie di intelligence. Inoltre, tra i suoi compiti, è prevista la pubblicazione di versioni non classificate dei report dell’intelligence americana.

Ma con un solo membro del consiglio e senza il quorum legale di almeno tre membri, il PCLOB non è in condizione di svolgere le sue funzioni minime tra cui la presentazione di  relazioni semestrali al Congresso, le richieste di declassificazione e gli incontri pubblici informativi sugli abusi alla privacy.

Leggi l’articolo originale The U.S. Government’s Privacy Watchdog Is Basically Dead, Emails Reveal

Fonte: The Intercept | di Jenna McLaughlin

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL