Fai dating su Tinder? Le tue foto possono finire online

Gli utenti di Tinder hanno senza dubbio molte ragioni per caricare sulla piattaforma di incontri tutte le loro preferenze e varie foto. Ma contribuire allo sviluppo del riconoscimento facciale biometrico e finire in un set di dati scaricabile per la creazione di reti neurali convoluzionali, probabilmente non era proprio al top della loro lista nel momento in cui hanno accettato le condizioni d’uso della “dating app”.

Un utente di Kaggle, una piattaforma di machine learning per competizioni in materia di dati recentemente acquisita da Google, ha caricato un set di dati che contengono immagini di volti: il creatore ha ottenuto i dati sfruttando l’API di Tinder per scquisire 40.000 foto di profilo degli utenti di Tinder nella Bay Area di San Francisco equamente distribuite per genere.

Il set di dati, chiamato People of Tinder, è composto da sei file zip scaricabili, con quattro contenenti circa 10.000 foto di profilo ciascuno e due file con altre 500 immagini.

Il caso interessa in realtà meno di 40.000 utenti perché sono state scaricate varie foto da singoli profili.

Il creatore del set di dati, Stuart Colianni, lo ha diffuso sotto una CC0:Public Domain License e ha anche caricato il suo script su GitHub.

Leggi l’articolo originale Someone scraped 40,000 Tinder selfies to make a facial dataset for AI experiments

Fonte: Tech Crunch | di Natasha Lomas

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL