Facebook, perché otto Stati Usa hanno aperto un dossier sul social

Letitia James dello Stato di New York, che guida l’iniziativa bipartisan: “anche la più grande piattaforma di social al mondo deve seguire la legge e rispettare i consumatori”.

Le vacanze sono finite, settembre è ormai inoltrato e si inizia a ballare sul serio (sulla testa della Silicon Valley): ieri è arrivata la conferma che i procuratori generali di otto Stati americani faranno un’indagine antitrust su Facebook. Letitia James dello Stato di New York, che guida l’iniziativa bipartisan sottoscritta da Colorado, Florida, Iowa, Nebraska, Nord Carolina, Ohio, Tennessee e il Distretto di Columbia, ha dichiarato che «anche la più grande piattaforma di social al mondo deve seguire la legge e rispettare i consumatori. Utilizzeremo tutti gli strumenti investigativi a nostra disposizione per determinare se Facebook ha abusato dei dati dei consumatori, ridotto la qualità delle loro scelte o determinato un aumento del prezzo della pubblicità».

Queste parole mostrano una volta di più come i regolatori vogliano lavorare sull’asse privacy-concorrenza (lo spiegavamo qui con Davide Casati), cercando di capire se lo sfruttamento dei dati degli utenti – che a Facebook è da poco valso una multa da 5 miliardi di dollari – contribuisca a limitare l’azione di altri attori del settore. La Federal Trade Commission americana, infatti, dopo aver imposto la sanzione miliardaria ha annunciato di voler verificare se le acquisizioni fatte da Mark Zuckerberg negli anni abbiano raso al suolo la concorrenza. E pure la Data protection commission irlandese, che applica il Regolamento europeo per la privacy alle aziende che hanno sede nei suoi confini, dovrebbe comunicare entro fine mese le conclusioni a cui è giunta nel corso di undici indagini su Facebook. Le multe e le richieste di intervento europee sulle pratiche commerciali potrebbero arrivare entro fine anno….

 

Fonte Corriere.it. Leggi qui l’articolo originale. 

Fonte: Corriere.it | di Martina Pennisi

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL