Facebook, Antitrust Usa indaga. Il social rischia multa privacy da 2mila miliardi? Ultimatum Ue

La Federal Trade Commission apre un’indagine sullo scandalo Facebook-Cambridge Analytica che ha coinvolto i dati di 50 milioni di utenti. La normativa privacy potrebbe comportare una sanzione di 40mila dollari per ogni singola violazione.

La punizione per Facebook dopo lo scandalo di Cambridge Analytica è arrivata dagli investitori, che hanno affossato il titolo la scorsa settimana con una perdita secca di market value pari a 75 miliardi di dollari.

Ma il danno economico per il social network potrebbe essere davvero clamoroso, dopo l’apertura da parte della Federal Trade Commission (FTC), l’Antitrust Usa, di un’inchiesta sul caso del furto dati che ha coinvolto 50 milioni di utenti a scopi elettorali. La FTC ha reso noto ieri di aver aperto un’inchiesta sulle modalità con cui Facebook garantisce la privacy dei suoi utenti, precisando che userà “tutti gli strumenti” a sua disposizione per proteggere la privacy dei consumatori.

Fra questi strumenti, il principale è “l’azione coercitiva nei confronti delle aziende che non onorano gli impegni in materia di privacy, compreso il Privacy Shield (l’accordo fra usa e ue in materia di Data Protection ndr) o che agiscono in modo scorretto in modo tale da danneggiare i consumatori”, ha detto Tom Pahl, ha detto direttore facente funzione della FTC.

Nello specifico la FTC dovrà valutare se Facebook abbia violato l’accordo – siglato nel 2011 da diverse aziende tecnologiche – denominato  ‘consent decree’ secondo cui gli utenti devono sempre essere avvisati sull’eventuale uso dei propri dati personali che può avvenire solo dietro il loro consenso. Una violazione del decreto di autorizzazione può comportare una multa di 40.000 dollari per singola violazione. Nello specifico, lo scandalo Facebook-Cambridge Analytica riguarda oltre 50 milioni di persone, fatti due semplici calcoli (40.000 dollari x 50 milioni di utenti) l’entità della potenziale sanzione sarebbe astronomica, par a 2mila miliardi di dollari.

Senza dimenticare che analoghe inchieste sono state aperte o stanno per partire anche in Europa, a Bruxelles e nei singoli stati membri.

Una multa di tali dimensioni sarebbe senza precedenti. In casi recenti per violazioni analoghe le multe comminate sono state briciole al confronto. Per esempio, Google nel 2012 ha subito una multa di 22,5 milioni di dollari per violazione della privacy del browser safari di Apple.

Nel 2017 l’Antitrust Ue ha comminato una maxi multa di 2,4 miliardi di euro ad Alphabet (casa madre di Google) per abuso di posizione dominante nel campo dei motori di ricerca.

Il “consent decree” inculde due richieste che sembrano riguardare il caso in questione Facebook-Cambridge-Analytica: impedisce a Facebook di travisare le informazioni sulla privacy degli utenti, e impone a Facebook di vietare, 30 giorni, l’accesso ai dati di qualcuno che ha cancellato il suo account dopo.

Nel frattempo anche Bruxelles vuole vederci chiaro. La commissaria europea alla Giustizia Vera Jurova ha scritto ieri una lettera al direttore operativo del social, Sheryl Sandberg, chiedendo risposte “entro le prossime due settimane”.

Nella lettera, oltre ad invitare il colosso di Internet a “cooperare con le autorità europee sulla Protezione dei dati”, la Commissione chiede anche di avere rassicurazioni da parte di Facebook sulle misure previste per evitare che quanto avvenuto non si ripeta e sopratutto se i cittadini europei siano stati coinvolti.

Intanto, Mark Zuckerberg non si presenterà di fronte ai deputati britannici della commissione cultura, digitale e media per rispondere a domande sullo scandalo dei dati personali di 50 milioni di utenti di Facebook che sarebbero stati usati a scopo di propaganda politica anche in Gran Bretagna.

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL