Eurodac, la “sorveglianza di massa” per blindare i confini Ue

Oggi il database conserva le impronte digitali di richiedenti asilo e stranieri “irregolari”.

Oggi il database conserva le impronte digitali di richiedenti asilo e stranieri “irregolari”. La proposta di riforma della Commissione Ue vuole inserire più dati biometrici, compresi quelli dei minori. Mettendo a rischio privacy e diritti…

Leggi l’articolo completo su abbonamento.

 

Fonte: Altreconomia | di Ilaria Sesana

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL