Euro digitale, bilanciamento tra privacy e accessibilità

Secondo l’Eurogruppo, L’euro digitale deve ottenere e mantenere la fiducia degli utenti, attraverso un bilanciamento fra privacy e norme anticrimine.

I ministri delle finanze europei stanno cercando di creare un euro digitale che sia sicuro e accessibile, mentre diversi banchieri centrali portano avanti la sperimentazione del progetto nel 2022. La Banca centrale europea (BCE) ha iniziato a valutare l’idea di un euro digitale nell’ottobre 2020 e ha ufficialmente avviato un’indagine sul tema nel 2021.

L’Eurogruppo, che riunisce i ministri delle finanze dei Paesi dell’Unione europea che utilizzano la moneta comune, ha mantenuto in corso le deliberazioni su questo tema.

In seguito all’ultima riunione, i membri dell’Eurogruppo hanno delineato gli obiettivi principali di una moneta digitale della Banca centrale (Central Bank Digital Currency, CBDC), qualora si decidesse di procedere con la sua realizzazione. Sebbene siano in corso alcuni altri preparativi da parte della legislazione dell’UE, il rilascio o meno di un euro…

Leggi l’articolo completo (in inglese).

Fonte: cryptopolitan.com | di Damilola Lawrence

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL