Digital Rights, “tensione intrinseca” tra profitti sui dati e privacy

Il mondo del XXI secolo ruota tutto intorno ai dati: chi li possiede, come vengono usati, quando si condividono, e quanto valgono. Nonostante la proliferazione di termini di servizio e privacy, le società responsabili della gestione dei nostri dati stanno in gran parte facendo un pessimo lavoro di dirci quale uso viene realmente dei nostri dati.

E’ quanto rilevato in uno studio diffuso dal Ranking Digital Rights 2017 Corporate Accountability index, che valuta lo stato di tutta una serie di temi legati alla privacy internet e delle telecomunicazioni; dal controllo dell’utente sui propri dati, alla diffusione degli stessi.
In rapporto sottolinea come esista una
“tensione intrinseca” tra profitti e privacy dei consumatori rispetto alle aziende che adottano modelli di business basati sulla raccolta e rivendita dati utente – in primo luogo per offrire pubblicità mirata.

Nel complesso, il rapporto rileva, il problema più grande che interessa tutte le aziende riguarda la diffusione: le tech company semplicemente non stanno informando correttamente i consumatori sulle loro politiche e pratiche. Il risultato, concludono gli autori del rapporto, è che “la maggior parte degli utenti Internet di tutto il mondo non hanno le informazioni di cui avrebbero bisogno per fare delle scelte informate”.

Leggi l’articolo originale Why Are So Many Tech & Telecom Companies Bad At Respecting Your Privacy?

Fonte: Consumerist | di Chris Morran

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL