Dietrofront di Whatsapp. Non limiterà gli utenti che non accettano la nuova privacy policy

La motivazione: “Date le recenti discussioni con varie autorità ed esperti di privacy, vogliamo chiarire che attualmente non abbiamo in programma di limitare la funzionalità per coloro che non hanno ancora accettato l’aggiornamento”.

WhatsApp ha paura di possibili sanzioni dei Garanti Privacy. Così non limiterà più gli account di chi non accetta le nuove regole privacy.
La nuova privacy policy è entrata in vigore dal 15 maggio e, per gli utenti che non le accettavano entro un tempo limite, la società prevedeva restrizioni nell’uso di alcune funzioni, anche chiamate e messaggi. Sembra che ora, invece, la società abbia deciso di cambiare approccio. “Date le recenti discussioni con varie autorità ed esperti di privacy, vogliamo chiarire che attualmente non abbiamo in programma di limitare la funzionalità per coloro che non hanno ancora accettato l’aggiornamento. Continueremo invece a ricordare agli utenti di volta in volta le novità dell’aggiornamento”, ha spiegato la società.

Nella sua pagina di supporto agli utenti aggiornata, WhatsApp ha anche affermato che non prevede di trasformare il promemoria sull’aggiornamento delle regole privacy facendolo diventare persistente, come annunciato inizialmente. Il dietrofront potrebbe essere generato da un malcontento degli utenti che aveva provocato un travaso nelle chat concorrenti come Telegram e Signal; ma anche nell’iniziativa della Germania, che qualche settimana fa ha bloccato la raccolta dei dati di WhatsApp. “Dobbiamo prevenire i danni e gli svantaggi legati a una tale procedura condotta a scatola chiusa“, aveva affermato il Garante Privacy di Amburgo.

Quindi gli utenti che hanno espresso il consenso entro il 15 maggio alla nuova informativa privacy per timore di un blocco o di un uso limito dell’app, sono stati ingannati da WhatsApp?

Fonte: Key4biz | di Luigi Garofalo

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL