Decreto fiscale, verso il primo stop all’algoritmo anti-evasione

L’Agenzia delle entrate si prepara a fare retromarcia sui maxi-controlli sulle fatture elettroniche.

Il decreto fiscale ha introdotto la possibilità di accedere all’insieme dei dati presenti nelle e-fatture, comprese le informazioni fiscalmente irrilevanti. Ma secondo il Garante della privacy tale novità si pone in aperto contrasto con il principio di proporzionalità dei dati: come annunciato dal direttore dell’Agenzia delle entrate Antonino Maggiore nel corso di un’audizione davanti alla commissione Finanze della Camera, verrà avviato nei prossimi giorni un tavolo di confronto con l’Authority per definire le misure di garanzia a tutela dei diritti e delle libertà degli interessati da adottare insieme alla Guardia di finanza. L’ipotesi più probabile è che vengano oscurati i dati suscettibili di svelare lo stato di salute dei contribuenti, eventuali procedimenti penali a carico e le abitudini di consumo. Anche il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha aperto alla possibilità di correggere il decreto fiscale in alcuni punti, a patto che non si mettano a repentaglio i 3 miliardi di gettito che via XX settembre conta di recuperare il prossimo anno grazie alla lotta al sommerso….

Leggi l’articolo completo.

Fonte: Il Messaggero | di Francesco Bisozzi

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL