Dati su ciclo e fertilità di milioni di donne condivisi su Facebook

Privacy International lancia un allarme: dati personalissimi di milioni di donne condivisi con Facebook.

I dati personali più intimi, riservati, sensibili di milioni di donne in tutto il mondo comunicati, a loro insaputa, a Facebook – che le utenti siano o meno iscritte al social network – e usati a scopo commerciale.

È quanto emerge da un’inchiesta di Privacy International secondo la quale alcune app usate per calcolare i periodi mestruali e quelli di maggior fertilità condividono con Facebook dati e informazioni destinate a restare segreti, anzi, forse segretissimi: gli stati d’animo, gli umori, la data dell’ultimo rapporto sessuale, l’utilizzo o il non utilizzo di metodi contraccettivi.

È bene dire subito per evitare di buttare a mare il bambino con l’acqua sporca che su diverse app analoghe testate da Privacy International, solo due sono risultate così poco rispettose della privacy degli utenti: Maya gestita da Plackal Tech and MIA gestita Mobapp Development Limited.

La quantità di informazioni che le app in questione condividono con Facebook è impressionante…..

 

Fonte L’Espresso di Guido Scorza. Leggi l’articolo completo.

Fonte: L'Espresso | di Guido Scorza

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL