Data protection, mercato mondiale software a 120 miliardi nel 2022

Con l’arrivo del Gdpr il mercato mondiale delle soluzioni per la protezione dei dati crescerà ulteriormente, con focus su disaster recovery, data loss prevention e data backup.

All’affermarsi della data economy aumenta il livello di preoccupazione per la tutela e la protezione dei dati sensibili delle organizzazioni, ormai bersaglio stabile dei cyber criminali di tutto il mondo. Proprio nel costante impegno in questa lotta per la sicurezza informatica, virtuale e fisica delle infrastrutture di rete, è emerso un nuovo mercato, legato alle software technologies più avanzate dedicate alla data protection.

Un tema che con il nuovo regolamento generale sulla protezione dei dati (RGPD, in inglese GDPR, General Data Protection Regulation), che si è data l’Unione europea l’anno scorso e che entrerà in vigore il prossimo 25 maggio, ha visto crescere l’interesse attorno al mercato delle soluzioni cloud, del software as a service, dei servizi e delle applicazioni.

Un nuovo studio ReportsnReports ha stimato il valore del settore attorno ai 57 miliardi di dollari a fine 2017. Grazie ad un tasso di crescita annuo (Carg 2017-2022) atteso al 16%, il mercato delle soluzioni per la data protection dovrebbe sfiorare i 120 miliardi di dollari nel 2022.

verticals che registreranno i maggiori incrementi di spesa, secondo il Report, sono i segmenti della disaster recovery, della data loss prevention e della data backup and recovery, seguiti comunque da data archiving and ediscoveryencryptiontokenization e identity and access management.

Tra i settori considerati emergenti e sui cui si potrebbe concentrare l’interesse degli investitori troviamo la Difesa, la Pubblica Amministrazione (centrale e locale), le utilities dell’energia. I Paesi invece in cui maggiore è il tasso di crescita e migliori le politiche di sostegno al settore sono la Cina e diverse realtà asiatiche, con il Nord America pronto a divenire in breve tempo leader del mercato dei servizi di data protection.

Il documento, infine, esamina strategie e soluzioni delle più grandi imprese del settore, che infatti sono tutte o quasi americane: IBM, Symantec, CA Technologies, Oracle, McAfee, Hewlett Packard, Net App, Quest Software, Veeam Software, solo per citarne alcune.

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL