Data Act, i primi rilievi dei garanti europei

Tra le priorità individuate il diritto alla privacy è irrinunciabile, ma si punti a produrre meno dati personali.

A poco più di due mesi dalla sua presentazione, arrivano i primi commenti critici sul Data Act, la proposta di regolamento delle informazioni generate dai dispositivi connessi, da parte delle istituzioni europee di vertice in ambito privacy.

Il 4 maggio scorso le massime autorità europee in materia di protezione dei dati personali, l’Edps e l’Edpb (European data protection supervisor, il Garante privacy europeo, e l’European Data Protection Board, organo collegiale che riunisce le autorità di tutti gli stati membri e l’Edps stesso), si sono espresse con un parere congiunto sulla recente proposta di regolamento presentata dalla Commissione europea nel mese di febbraio…

Leggi l’articolo completo.

 

Fonte: Huffington Post | di Tonucci & Partners

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL