Con lo smart speaker si rinuncia alla privacy (report)

Secondo uno studio dell’Università del Michigan che utilizza uno smart speaker come Amazon Echo è consapevole del rischio per la riservatezza dei suoi dati ma si è rassegnato.

Le persone che comprano uno smart speaker, come Amazon Echo, sono consapevoli del rischio privacy, ma sono anche rassegnati al fatto che la crescente erosione della riservatezza dei dati è ormai un dato di fatto e per questo non fanno granché per proteggersi. Lo scrive il sito specializzato Motherboard.vice.com, citando un recente studio condotto da alcuni ricercatori dell’Università del Michigan su un campione di 17 utenti di smart speaker (‘Alexa, Are You Listening? Privacy Perceptions, Concerns and Privacy-seeking Behaviors with Smart Speakers’).

Secondo i ricercatori, la cosa più preoccupante riguarda l’apatia con cui gli utenti di smart speaker rinunciano consapevolmente a fette crescenti di privacy a cuor leggero. Il ragionamento degli utenti di smart speaker è questo: Amazon e Google sanno già tanto di me, che c’è di male se cedo ancora un po’ di informazioni? Una dimostrazione evidente della progressiva rinuncia da parte degli utenti alla riservatezza come fatto quasi ineluttabile, figlio dei nostri tempi.

Eppure, motivi di preoccupazione ce ne sono. Basti pensare ai casi di smart tv che registrano tutto quello che dici o di smart speaker che dopo aver registrato conversazioni private le hanno inviate a destinatari casuali. Questo perché tutti questi device sono comunque in rete e potenzialmente hackerabili e soggetti potenziali data breach.

Ma pur consapevoli di questi pericoli, gli utenti decidono coscientemente di rassegnarsi all’idea di essere spiati e al fatto che non c’è nulla per evitarlo.

Per assurdo, uno dei principali utilizzi degli smart speaker è appunto spiare el conversazioni della baby sitter o della domestica quando è sola in casa…..

 

Fonte Motherboard.vice.com di Kaleigh Rogers. Leggi l’articolo People Who Buy Smart Speakers Have Given Up on Privacy, Researchers Find

Fonte: Motherboard.vice.com | di Kaleigh Rogers

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL