Come sarebbe la vita senza Google?

Prima che il più importante motore di ricerca fosse lanciato nel 1998, le persone erano abituate a cercare informazioni da sole. Ma oggi, è ancora possibile vivere la propria vita e fare il proprio lavoro senza Google? Il giornalista Tim Dowling ha passato una settimana a cercare di scoprirlo. 

A metà della mia settimana di prova senza Google, mia moglie mi dice che vorrebbe andare a vedere un film quella sera, e io accetto di occuparmi dell’acquisto dei biglietti. In quella che inizialmente penso sia una mossa ispirata, passo al cinema locale mentre torno a casa e mi segno tutti gli orari del film sul mio taccuino. Poi mia moglie insiste per andare in un altro cinema.
“Posso prenotare per telefono? le chiedo. “Il 118 esiste ancora?”
Si scopre che esiste ancora e che è un servizio costoso: 2,50 sterline a chiamata, più 75 pound al minuto, più un costo di accesso di 55 pound dal mio operatore di telefonia mobile. Ma più di un milione di persone all’anno utilizzano ancora il servizio, che offre anche una funzione di testo che risponde alle domande – anche se in sostanza stai semplicemente chiedendo a qualcuno di cercare per te  qualcosa su Google e di mandarti un sms con la risposta , per 3,50 sterline.

Prima di iniziare questo esperimento, quando ho cercato di immaginare come sarebbe stato prendere una pausa da Google, quello che stavo davvero cercando di ricordare era come funzionasse la mia vita prima della sua creazione.
Google è stato fondato nel 1998. Ripensando alla metà degli anni ’90, ricordo vagamente di aver visitato biblioteche nel corso del mio lavoro di giornalista e di aver ricevuto a casa mia enormi buste di ritagli di giornale. Ricordo di aver rintracciato l’autobiografia fuori stampa di Meat Loaf in una libreria di seconda mano il giorno prima di intervistarlo. Ma spesso non ho mai trovato le risposte che stavo cercando. Invece, ho adattato le domande.
Ricordo dispute fattuali nei pub e alle cene che semplicemente non si sono mai risolte. Ricordo di aver trovato la mia strada per la città. Ricordo di aver imparato le semplici riparazioni dai libri invece che dai video. Ricordo di aver fatto tutte queste cose, ma non mi ricordo bene come mi sentivo.

Far uscire Google dalla tua vita è una grande impresa. Google Maps non si limita a portarti nei posti, ma guida molte delle altre applicazioni che usi, tra cui Uber. Google possiede YouTube. Google controlla il mio termostato.
Ai fini di questo esperimento, sto semplicemente evitando le mappe, il motore di ricerca, il browser e YouTube. Continuerò ad usare la posta elettronica. Ci sono, naturalmente, altri browser, motori di ricerca e applicazioni cartografiche là fuori, ma non sto cercando di trovare sostituti. Sto cercando di farne a meno.
Le mie ragioni hanno poco a che fare con il monopolio di Google sulla ricerca, o il suo modo semplice e gratuito di avere a che fare con i miei dati. Sono preoccupato che stia facendo qualcosa al mio cervello. In realtà, sono preoccupato che Google sia il mio cervello.

Vai qui per l’articolo completo. 

 

Fonte: Guardian.com | di Tim Dowling

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL