CJU, accordo EU-Canada sulla raccolta dati passeggeri aerei viola la legge

Lo scarso 26 luglio la Corte di Giustizia dell’Unione europea (CJU) ha confermato che l’accordo tra UE e Canada per la raccolta e la condivisione dei dati dei passeggeri degli aerei viola la legge europea. Si tratta della terza volta che la Corte Europea si esprime contro le modalità di raccolta obbligatoria di dati personali.

Sulla decisione della Corte ha inciso il rischio associato alla raccolta massiccia di database di dati personali sensibili dalla dubbia utilità.
Contrariamente a quanto propagandato, la raccolta “alla cieca” di dati personali, da cui si spera magicamente di pescare informazioni utili a proteggere la nostra società, non ha un reale impatto positivo sulla sicurezza e, semplicemente, viola i diritti fondamentali.

Clicca qui per leggere il comunicato stampa della Corte

Leggi l’articolo originale PNR: EU Court rules that draft EU/Canada air passenger data deal is unacceptable

Fonte: EDRI | di Edri

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL