Bastano pochi “like” a Facebook per sapere tutto su di te

Quanto credi che il tuo Facebook ti conosca?

Mentre cresce il potere dei “like” continua a crescere, comitati elettorali e agenzie di pubblicità continuano ad utilizzare questo meccanismo apparentemente innocuo per influenzare e tracciare il comportamento del pubblico.

Secondo degli studi, infatti, Facebook conosce sul conto dei propri utenti molto di più di quanto la maggior parte delle persone possa immaginare. Il colosso del social networking ha effettuato una ricerca sugli stati psicologici ed emotivi degli adolescenti individuando “momenti in cui i giovani hanno bisogno di una maggiore fiducia”. L’azienda considera questi dati come una miniera che può essere rivenduta agli inserzionisti, come ha riferito un quotidiano australiano.

Quando mettiamo un “innocente” like, insomma, condividiamo molte più informazioni su di noi di  quanto si possa immaginare. Dopo aver “apprezzato” solo 10 pagine di Facebook, gli inserzionisti (o i comitati elettorali politici) possono conoscere su di noi tanto quanto un collega di lavoro, secondo uno studio dell’Università di Cambridge nel Regno Unito. Dopo 70 ” mi piace” quanto un amico stretto. E dopo 150 like? Abbiamo sostanzialmente rinunciato alla nostra privacy permettendo al social network di conoscerci quanto i nostri genitori.

Leggi l’articolo originale The shocking things you reveal about yourself when you ‘like’ things on Facebook

Fonte: Market Watch | di Kari Paul

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL