Arriva il drone che ruba i dati leggendo l’intermittenza del led

Poche ore dopo il tramonto, una sera qualunque all’inizio di febbraio, un piccolo drone quadricottero si è alzato in volo dal parcheggio dell’Università Ben Gurion di Beersheba, in Israele. Non è un drone qualunque, ma una macchina addestrata a carpire i segreti custoditi nei computer semplicemente registrando la luce intermittente a led che si illumina sull’hardware.

Un gruppo di ricercatori del laboratorio di sicurezza informatica dell’università israeliana ha riferito di aver messo a punto un metodo per sconfiggere il sistema di sicurezza conosciuto come “air gap”; si tratta del più alto livello di protezione dei dati ottenuto attraverso un totale isolamento dei sistemi informatici dalla rete internet, una vera e propria quarantena per virus e malware. Ma il punto debole della tecnologia-spia è proprio qui: si avrà bisogno di un collaboratore “interno”, tutto umano, per installare il programma sul computer isolato (tramite una USB infetta) riuscendo a tramutare la luce led in una trasmittente di informazioni presenti sul disco .

 

Leggi l’articolo originale Malware Lets a Drone Steal Data by Watching a Computer’s Blinking LED

Guarda il video della dimostrazione

Fonte: WIRED | di ANDY GREENBERG

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL