Apple chiede scusa ‘Stop agli ascolti con Siri’

La pratica non sarà portata avanti dai dipendenti a contratto residenti in Irlanda, che hanno già perso il lavoro, rivela il Guardian. Se ne occuperà il personale interno e sarà comunque l’utente a scegliere se partecipare al programma di miglioramento

Apple si è scusata ufficialmente con i consumatori dopo la questione relativa agli audio registrati da Siri e ascoltati dai dipendenti delle imprese appaltatrici. La pratica, che si è scoperto essere utilizzata anche da altre aziende come Amazon, Google e Microsoft, consentiva al personale umano di venire a conoscenza di dettagli anche strettamente personali: l’obiettivo di Cupertino, però, era solamente quello di migliorare il servizio del proprio assistente vocale. Molti di questi dipendenti, come rivelato da Irish Examiner, spesso riuscivano ad ascoltare anche 1000 registrazioni ciascuno. Dopo la polemica che ha messo al centro dell’attenzione l’azienda californiana, la pratica è stata interrotta, non senza conseguenze.

Centinaia di lavoratori hanno perso il lavoro

Le imprese appaltatrici, infatti, con questo stop hanno perso il lavoro commissionato e sono state costrette a lasciare a casa numerosi lavoratori. Secondo il Guardian, che è riuscito a parlare con uno degli ex dipendenti, sarebbero più di 300 le persone rimaste senza lavoro nella sola struttura di Cork, in Irlanda. Il personale a contratto, da inizio agosto, ha smesso raggiungere il posto di lavoro. Un sollievo per alcuni di loro, come raccontato da uno dei dipendenti: «Nonostante la perdita del lavoro, siamo sollevati dal fatto che si sia fatta luce su queste pratiche. L’etica di questa mansione è sempre stata motivo discussione tra di noi, ma non sapevamo come affrontare la situazione»….

 

Fonte Corriere.it. Leggi l’articolo completo.

Fonte: Corriere.it | di Davide Urietti

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL