App per salute, privacy a rischio

Studio su oltre 20 mila applicazioni condotta dalla Macquarie University in Australia, “pratica pervasiva”.

Ci sarebbero problemi con la privacy nelle app per cellulari dedicate alla salute: il 28% di queste non offre all’utente alcun testo esplicativo sulle politiche per la privacy e almeno il 25% delle trasmissioni di dati dell’utente viola quanto affermato nei testi dedicati ai regolamenti sulla privacy. L’88% delle app può avere accesso e potenzialmente scambiare dati dell’utente.

Lo rivela un’analisi approfondita di oltre 20.000 app per cellulare dedicate alla salute, riportata su The British Medical Journal e condotta presso la Macquarie University in Australia…

Leggi l’articolo completo.

Fonte: Ansa

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL