Alexa, i dipendenti di Amazon ascoltano e trascrivono le registrazioni degli utenti

Gli assistenti vocali sono un pericolo per la privacy? È una domanda che molti si pongono. I campanelli d’allarme non sono mancati nel tempo, ora a suonare è una campana. Bloomberg rivela che il personale del team di Amazon Echo ascolterebbe le registrazioni vocali effettuate nelle case e negli uffici dei proprietari degli altoparlanti intelligenti. Le registrazioni verrebbero trascritte e reinserite nel software per migliorare la capacità di comprensione del linguaggio umano di Alexa e fare sì che possa rispondere meglio ai comandi.

Il fatto è che l’assistente vocale, per rispondere prontamente alle domande, accendere le luci, alzare le tende e altro, dev’essere sempre in ascolto. Ne segue che non “sente” solo quello che gli si chiede, ma potenzialmente tutto quello che accade nell’ambiente, comprese discussioni, il russare notturno, i programmi TV che si guardano.

A rivelare dettagli inquietanti sulle “attività di ascolto” sono stati sette ex dipendenti di Amazon. Secondo quanto riporta Bloomberg, ad ascoltare sarebbero persone sparse in diverse parti del mondo, dall’Ecuador all’India passando per la Romania, a cui viene fatto firmare un accordo di non divulgazione. Trascorrerebbero più o meno nove ore al giorno ascoltando oltre 1.000 clip audio ciascuno e contrassegnandole. Chat di gruppo sarebbero a disposizione di questi dipendenti per condividere le registrazioni quando hanno bisogno di aiuto.

Interpellata da Bloomberg, Amazon ha spiegato di avere specifiche procedure da seguire per i dipendenti che si trovano ad ascoltare contenuti angoscianti. Un portavoce Amazon ha dichiarato che ‎”abbiamo rigorose garanzie tecniche e operative e una politica di tolleranza zero per l’abuso dei nostri sistemi…

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL