Adeguamento normativa nazionale al Gdpr, si attende il decreto definitivo

Entro il 21 maggio il Governo dovrà emanare il decreto ma il cammino sembra ancora lungo. Bisogna infatti attendere il parere delle commissioni parlamentari e del Garante, per poi lasciare il posto al via libera definitivo del Consiglio dei ministri.

Un mese e mezzo per trovare l’ intesa è un tempo enorme, soprattutto se il cronometro continua a correre e la scadenza si avvicina. Il decreto legislativo varato in prima lettura dal Consiglio dei ministri il 21 marzo per conciliare le nuove regole europee sulla privacy (che partiranno il 25 maggio ) con la normativa nazionale ora in vigore continua a rimanere un mistero. O quasi.

Esiste, infatti, una recente versione del provvedimento che racconta di un fitto lavoro di riscrittura del testo licenziato da Palazzo Chigi, che a sua volta si era pronunciato sulla bozza di decreto messa a punto da una commissione insediata presso il ministero della Giustizia. Il nuovo documento ha un impianto in alcune parti diverso da quello della prima ora e, in particolare, fa rivivere le sanzioni penali, che nella precedente versione erano state “sacrificate” in nome di un inasprimento, previsto dal Gdpr, di quelle amministrative.

Leggi l’articolo originale Privacy, decreto ancora in alto mare

Fonte: ilsole24ore.com | di Antonello Cherchi e Marco Mobili

© 2017-2018 Associazione Privacy Italia - C.F. 91039930192 - P. Iva 01685370197 - Informativa Privacy

Con il sostegno di:

Fondazione di Sardegna Fondazione Cariplo
Positive SSL